Fresco in estate? Escursioni nei dintorni di Merano

Quando in estate il sole riscalda la regione di Merano, anche all'Hotel Tyrol di Scena viene voglia di rinfrescarsi. Si può fare una bella escursione alla ricerca di frescura, o percorrere la rete sentieristica europea. Un po' più a sud, sempre in Alto Adige, le buche di ghiaccio di Appiano fanno crescere, grazie al clima fresco, anche in estate piante che di solito si trovano solo in alta quota.

Sentiero europeo E5, escursionismo in Alto Adige

Sentiero europeo E5

Sentiero europeo E5 - 4. tappa dal rifugio Meraner fino a Bolzano - Itinerario

La 4. tappa parte presso il rifugio Meraner a Merano 2000. Sul sentiero europeo E5 si cammina attraverso il  Spieler sul Passo della Croce (1984 m) e sul Giogo della Croce (2086 m). Proseguire sul sentiero attraverso la cresta fino al Giogo dei Prati (1926 m) e scendere alla malga Möltner Kaser (1766 m). Qui deviare a destra e attraverso il Giogo di Meltina (1733 m) fino a Langfenn (1527 m).

Tempo di percorrenza

ca. 2.5 Stunden

Un’escursione con una meta veramente speciale ai piedi del Monte Ganda ad Appiano.

La nostra escursione inizia presso il parcheggio dell’albergo Steinegger ad Appiano Monte. Anche se in questa giornata non è troppo bello, il sole riesce a sbucare tra le nuvole nel cielo qualche volta. Ci incamminiamo sul sentiero n° 7A che inizia direttamente presso l’albergo e porta alle buche di ghiaccio. Il sentiero forestale ci porta attraverso un bosco ai piedi del Monte Ganda. Ci troviamo in mezzo a faggi ed abeti, ma anche latifoglie ci accompagnano lungo il sentiero. Nel periodo quando abbiamo intrapreso questa escursione, verso metà aprile, i primi fiori sbucano tra le foglie cadute sul terreno e gli alberi mostrano i loro primi germogli. Sempre seguendo le indicazioni per il sentiero n° 7A giungiamo ad un incrocio, dove imbocchiamo il sentiero alla nostra sinistra che ci indica le buche di ghiaccio. Un sentiero un poco ripido ci porta ad un ulteriore incrocio di sentiero. Da qui seguiamo le indicazioni del sentiero n° 15. Già qui possiamo vedere dei grandi blocchi di porfido. Un segnale ci informa che ci troviamo in un biotopo protetto: le buche di ghiaccio.

Già prima di poterli vedere sentiamo l’aria fredda sulla pelle che ci accoglie e nelle fessure tra i grandi sassi vediamo della neva. Ed anche ghiaccioli pendono dalle rocce. Su un’area di 200 metri di lunghezza e 40 metri di larghezza si può ammirare questo fenomeno naturale. Tra le rocce di porfido si è sviluppato un sistema di cunicoli che provoca una continua corrente d’aria. Significa quindi che l’aria calda entra dalle fessure in alto e si raffredda scendendo in basso. Al punto più basso l’aria che esce rappresenta una temperatura tra 0 e 5 gradi. Dopo questa affascinante avventura proseguiamo il nostro cammino e ci avviamo per la nostra via di ritorno. Seguiamo prima l’indicazione per il sentiero n° 15 e poi per il sentiero n° 7A fino ad arrivare di nuovo al nostro punto di partenza, l’albergo Steinegg.

Tempo di percorrenza

ca. 2,5 ore

Escursione alla malga Möltner Kaser

Dal parcheggio di Schermoos (1449 m) si segue sempre la segnaletica «Möltner Kaser». Fatti alcuni metri sulla strada per Flaas, si svolta a sinistra sulla stradina 5 e poco dopo ancora a sinistra, sul sentiero che per lariceti e prati sale all’altura Möltner Joch (1733 m, edicola); un’ora. Proseguendo verso nord pressoché in piano su radura e poi nella foresta, si raggiunge la casera Möltner Kaser (1763 m); ore 1.30 dalla partenza. Ritorno: si rifà la via dell’andata per circa 20 minuti; al bivio si gira a destra (indicazione, sentiero K) per arrivare alla malga Sattlerhütte (1609 m). Di là si scende per bosco e su strada forestale (indicazione «Parkplatz», sentiero K) ed infine su prati arborati a larici (sentiero 4) al laghetto, ed al punto di partenza (45minuti dalla seconda malga, ore 1.30 da Möltner Kaser).

Tempo di percorrenza

ca. 3,5 ore

Altitudine

ca. 320 m

Lago Zirmtalsee, vacanze nell'Hotel Tyrol a Scena

Il lago Zirmtalsee

Il lago Zirmtalsee sul versante in ombra della bassa val Venosta

Da Kastelbell-Castelbello si prosegue in macchina verso sud, sulla stradina di accesso ai masi sparsi, fino ad un piccolo parcheggio (1450 m). Si prosegue a piedi sulla stradina 7, che porta alla Marzoner alm (1600 m, malga con posto di ristoro), da là si segue sempre il sentiero M 18 che, toccando una radura con malga abbandonata (1810 m), sale nella selva fino al laghetto (2114 m; ore 2). Si torna sulla via dell’andata (ore 1.30).

Tempo di percorrenza

ca. 3,5 ore

Altitudine

600 m

Sosta

Malga Marzoner, Malga Zirmtaler